Mese: Luglio 2018

D’Annunzio Veste Kitsch

“Bisogna fare la propria vita, come si fa un’opera d’arte”

Provocatorio ed eccentrico, il kitsch è un fenomeno artistico che (paradossalmente) si fa beffa dell’arte e prende il largo nei periodi in cui i valori portanti di una società cominciano a sgretolarsi. Va di pari passo con lo sviluppo dei media e della società di massa grazie alla sua vena dissacratoria.

Molte “star” fanno parlare di se seguendo lo stesso principio, ma chi meglio del letterato che disprezza e sfrutta le masse per esplicare al meglio questo stereotipo? 

Oltre ad incarnare la figura del nuovo intellettuale decadente italiano, Gabriele d’Annunzio, nato a Pescara nel 1863, rappresenta una vera icona del kitsch. 

Il poeta attraversò un cinquantennio della cultura italiana, influenzandola profondamente con una grande produzione. Creò così il fenomeno del dannunzianesimo, che segnò il comportamento di intere generazioni borghesi e gli permise di ispirarsi alle forme della cultura di massa dando vita ad una produzione letteraria di consumo. Tramite gesti provocatori ed eccentrici, sfrutta a pieno le potenzialità della società in cui vive, trascorrendo la sua carriera all’esasperata ricerca dell’arte e della bellezza. Lui stesso nel secondo capitolo del romanzo “Il piacere” scrisse:

“Bisogna fare la propria vita, come si fa un’opera d’arte”.

Da ciò è evidente che, per il poeta, l’arte è concepita come assoluta bellezza nell’ottica del decadentismo. Si pone come esteta al cospetto della società di massa, perennemente alla ricerca del gesto assoluto e teatrale, spesso diventando provocatorio ed eccentrico. 

Cioè, ha capeggiato l’invasione di Fiume, per dire.

D’Annunzio sfrutta abilmente i meccanismi dell’industria, riuscendo ad offrirsi come mito di massa attraverso la figura del genio, seppur in realtà disprezzando aristocraticamente le folle, conducendo la sua vita verso esperienze esclusive e raffinate. L’intento di d’Annunzio non è quello di essere “kitsch”, ma sfrutta abilmente le stesse caratteristiche facendo così inevitabilmente parlare di se. 

Appare kitsch, senza esserlo realmente, e osando.

Osando sempre.

scritto da Eleonora Colombo

Netflix e lo “Specchio Nero”

Da quando Black Mirror è prodotta e distribuita dalla piattaforma californiana, la serie britannica ha cambiato volto e anima. Vi spieghiamo il perché. È il 4 dicembre 2011 quando sull’emittente televisiva pubblica britannica Channel 4 va in onda la prima puntata di una serie TV che avrebbe poi attirato l’attenzione dell’opinione pubblica e degli appassionati…

Come non diventare una Iena

la discoteca chiude, lascio i miei compagni alla stazione della metro e parto a piedi in direzione Cologno Monzese. Obiettivo: fare i provini per “le Iene”. Eravamo a Milano, un paio di anni fa, serata come un’altra. Ero parecchio preso male, adesso non ricordo bene per quale motivo, forse mi ero lasciato, non ricordo, fatto…

Arte Sotto il Cielo

“Il figurativo ha dalla sua che appena lo guardi l’impatto emotivo è immediato.” La nostra piccola e neonata redazione è innamorata dello svago e della cultura “pop” in ogni sua sfaccettatura. Però l’arte è arte e in questo caso si è presentata l’occasione di buttarci un po’ più sul classico. A Sarzana, in via Mazzini…