Dietro le scene: I Pixel

Hanno già pubblicato parecchia roba e si sono dimostrati sempre sul pezzo.

E in attesa del loro prossimo lavoro, i Pixel hanno tempo per una chiacchierata con la nostra redazione…

Cominciamo, facile facile… Che ve ne pare la crescita del movimento indie a La Spezia? E quanto può ancora crescere?

P: Il motivo principale è che l’indie sta prendendo piede a livello nazionale, questo è naturale… L’importante è che un artista crei non seguendo la massa ma il proprio istinto. D’altro canto è normale tenere d’occhio la scena, non bisogna nemmeno vivere in una bolla, rimanendo sempre se stessi però… Alcuni esagerano nel seguire la scena, e se per caso tra un paio d’anni la canzone d’autore Napoletana dovesse diventare il primo genere a livello italiano, non ci stupiremo più di tanto se qualche gruppo comincerà a prendere lezioni di dialetto.

Qual’è l’esperienza più bizzarra che vi è capitata durante la vostra esperienza?

P: Sono parecchie in realtà… Una volta (sarà stato il nostro secondo o terzo concerto) dovevamo suonare a Portovenere, sulla passeggiata del lungomare, per conto di un ristorante… Beh, alla terza canzone una signora del locale si avvicina con una busta in mano e ci fa “Tenete i soldi del cachet e smettetela di suonare, non fate la musica che volevamo”… Il punto è che non avevamo organizzato noi la serata ma il gruppo principale, e non avevamo idea di cosa si fossero detti… Boh, avranno pensato che avremmo suonato del liscio.

Quali sono i vostri prossimi progetti? Senza spoilerare troppo…

P: Dopo aver pubblicato il nostro primo EP abbiamo subito iniziato a scrivere roba nuova, mantenendo uno stile molto simile a quello precedente ma allo stesso tempo stiamo spaziando molto. Il prossimo lavoro sarà un LP… Sarà tutto un po’ diverso, ma cerchiamo di non spoilerare troppo.

E allora un in Bocca al lupo a tutti voi, e al prossimo lavoro! 

La redazione

About

You may also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *