Autore: Redazione

Spazi Fotografici – Michele Borzoni presenta Workforce

Dal Festival della Fotografia Etica Workforce fa tappa a Sarzana: in Comune Michele Borzoni racconta il mondo del lavoro in Italia

È in programma sabato 26 ottobre alle 17.00 presso la Sala Consiliare del Comune di Sarzana la seconda presentazione pubblica di Workforce, il libro fotografico di Michele Borzoni che racconta il mondo – e lo stato – del lavoro in Italia. Presentato collateralmente alla mostra ancora in corso all’interno del Festival della Fotografia Etica lodigiano il libro edito da L’Artiere, in tre lingue, con book design a cura di Discipula e organizzazione a cura di Zona.org nasce dall’ambizioso progetto di ricerca visiva, durato piЭ di tre anni, condotto dal fotografo lungo tutto il territorio italiano.

Le domande di partenza sono: com’è, com’è cambiato e come sarà il lavoro. L’indagine, in nove tappe, segue luoghi e contesti come centri logistici, concorsi di ammissione, aste fallimentari, call center, industria 4.0, migranti dell’agricoltura, proteste sindacali, un distretto tessile cinese, le imprese recuperate dai lavoratori. Mette insieme “storie diverse che vanno dalle testimonianze delle cicatrici della crisi all’impatto della globalizzazione, dall’innovazione tecnologica alle migrazioni, dai fallimenti alle rinascite”. “Il filo che le unisce – si continua a leggere, nell’introduzione – è nello sguardo del fotografo e nella narrazione”, che si chiede: cosa e dove è la forza lavoro nel panorama attuale, in un viaggio italiano, ma con punti di contatto e prospettiva di ordine globale. “Michele Borzoni presenta l’Italia come un caso-studio che illustra non solo gli effetti della crisi economica sul lavoro, ma anche l’impatto di processi più lunghi, come la rivoluzione tecnologica, la globalizzazione, le migrazioni. Questi includono la crescente insicurezza del lavoro, il deterioramento del vecchio settore manifatturiero, l’ascesa dei servizi della logistica, l’automazione, le sfide a produzioni locali prima vincenti e l’impatto degli intensi flussi migratori dai paesi in via di sviluppo”. Le immagini sono accompagnate da testi di Roberta Carlini, giornalista e scrittrice.

Michele Borzoni

Michele Borzoni (Firenze, 1979) è un fotografo documentarista pluri-premiato, stimato e attivo a livello internazionale. Diplomatosi nel 2006 all’ICP di New York, l’anno dopo ha vinto il First Prize Yann Geffroy Award e la New York Times Scholarship for ICP Students. Tre anni dopo la Tierney Fellowship, quattro anni dopo il Primo Premio Singles People in the News del più importante premio foto-giornalistico al mondo, il World Press Photo. Nel 2012 П selezionato dalla rivista statunitense PDN come uno dei “30 new and emerging photographers to watch”. I suoi lavori sono pubblicati su numerose testate italiane e internazionali, esposti in Italia e all’estero costantemente. È uno dei membri fondatori del collettivo TerraProject Photographers: per Spazi Fotografici ha tenuto il primo Corso di Fotografia Documentaria del polo di formazione sarzanese – primo anche nel territorio locale e confinante – a inizio 2019; i progetti nati all’interno dello stesso saranno esposti presso l’Atrio del Comune dal 22 novembre. L’evento dedicato a Workforce – a ingresso libero – è organizzato da Spazi Fotografici con il patrocinio di Confartigianato e Confindustria La Spezia oltre che della stessa Amministrazione: sarà un’occasione per conoscere il fotografo, la sua indagine e da qui entrare nell’attualità di un complesso mondo, qual П quello del lavoro, che necessita di soluzioni, prospettive e, prima ancora, analisi, studio, riflessione, comprensione.

C’era una volta… a Hollywood

C’era una volta a… Hollywood è il film più personale del regista più influente della sua generazione. Non perché è un film che usa il cinema come pretesto narrativo, ma perché è un film ​sul cinema e sul fare i film. Il suo ​Singin’ in the Rain e il suo ​Effetto Notte​. Sentito, necessario, naturale.…

Dietro le scene: I Pixel

Hanno già pubblicato parecchia roba e si sono dimostrati sempre sul pezzo. E in attesa del loro prossimo lavoro, i Pixel hanno tempo per una chiacchierata con la nostra redazione… Cominciamo, facile facile… Che ve ne pare la crescita del movimento indie a La Spezia? E quanto può ancora crescere? P: Il motivo principale è…

La nostra “Top 10” dei film usciti nel 2018

 Vengono presi in considerazione i film usciti dal 1 gennaio al 31 dicembre 2018. Perché questa mattina la temperatura era di 3°, e ci sembra un po’ troppo freddo per uscire spesso 10. Ready Player One di Steven Spielberg Perché è un’opera frutto della contemporaneità che parla alla contemporaneità, che pone domande centrate (con risposte…

Recensione – Roma di Alfonso Cuarón

Il regista di Harry Potter e il prigioniero di Azkaban e di Gravity torna con un film-ricordo sulla propria infanzia, ambientato agli inizi degli anni settanta a Città del Messico Con Roma Alfonso Cuarón entra di diritto nell’olimpo dei giganti. Perché definire Roma un film perfetto sarebbe riduttivo: vorrebbe dire circoscriverlo ad un compitino ben…

Dietro il Pop•It

La sera del 23 novembre ci siamo trovati nel bel mezzo dell’edizione autunnale del Pop•It festival, organizzato dai ragazzi della clinica dischi.     Al Dialma Ruggiero di La Spezia ci siamo goduti a pieno la situazione: tra birre e giretti nel backstage, abbiamo sentito Apice in apertura, subito dopo Altrove, i Moca ed infine…

Il senso di Bacco. Pensiero 1

Forse si esagera quando si dice che siamo una generazione di alcolizzati. Bere si beveva anche al tempo di mio padre, e a casa di mio nonno manca soltanto la statua del grappolo d’uva. Però… c’è effettivamente un però. Oggi so che lo scopo unico è quello di devastarsi, annullarsi quindi entrare in un’altra dimensione…

Sulla Mia Pelle

Mercoledì 29 agosto First Man di Damien Chazelle – adattamento cinematografico della biografia ufficiale sulla vita di Neil Armstrong, primo uomo sulla luna – apriva il concorso della 75a edizione della Mostra del cinema di Venezia. Parallelamente, l’ ultimo uomo sulla terra apriva la sezione ‘Orizzonti’, ricoperto di scroscianti applausi: Sulla mia pelle di Alessio…

Al e il Nobile Esperimento

Il Cocktail Fest inizia piano piano a prendere forma e, mentre si inizia a intravedere in lontananza, rispolveriamo un periodo storico (e con esso una figura emblematica) in cui non si sarebbe potuto gustare legalmente un cocktail alcolico: il proibizionismo, il cosiddetto ‘Noble Experiment’ per cui, fra il 1919 e il 1933, negli Stati Uniti…