-Spazio dedicato ai giovani e alle loro attività culturali ed artistiche
-Spazio dedicato ai giovani e alle loro attività commerciali o progettuali

Categoria: Giovani Idee

Spazi Fotografici – Michele Borzoni presenta Workforce

Dal Festival della Fotografia Etica Workforce fa tappa a Sarzana: in Comune Michele Borzoni racconta il mondo del lavoro in Italia

È in programma sabato 26 ottobre alle 17.00 presso la Sala Consiliare del Comune di Sarzana la seconda presentazione pubblica di Workforce, il libro fotografico di Michele Borzoni che racconta il mondo – e lo stato – del lavoro in Italia. Presentato collateralmente alla mostra ancora in corso all’interno del Festival della Fotografia Etica lodigiano il libro edito da L’Artiere, in tre lingue, con book design a cura di Discipula e organizzazione a cura di Zona.org nasce dall’ambizioso progetto di ricerca visiva, durato piЭ di tre anni, condotto dal fotografo lungo tutto il territorio italiano.

Le domande di partenza sono: com’è, com’è cambiato e come sarà il lavoro. L’indagine, in nove tappe, segue luoghi e contesti come centri logistici, concorsi di ammissione, aste fallimentari, call center, industria 4.0, migranti dell’agricoltura, proteste sindacali, un distretto tessile cinese, le imprese recuperate dai lavoratori. Mette insieme “storie diverse che vanno dalle testimonianze delle cicatrici della crisi all’impatto della globalizzazione, dall’innovazione tecnologica alle migrazioni, dai fallimenti alle rinascite”. “Il filo che le unisce – si continua a leggere, nell’introduzione – è nello sguardo del fotografo e nella narrazione”, che si chiede: cosa e dove è la forza lavoro nel panorama attuale, in un viaggio italiano, ma con punti di contatto e prospettiva di ordine globale. “Michele Borzoni presenta l’Italia come un caso-studio che illustra non solo gli effetti della crisi economica sul lavoro, ma anche l’impatto di processi più lunghi, come la rivoluzione tecnologica, la globalizzazione, le migrazioni. Questi includono la crescente insicurezza del lavoro, il deterioramento del vecchio settore manifatturiero, l’ascesa dei servizi della logistica, l’automazione, le sfide a produzioni locali prima vincenti e l’impatto degli intensi flussi migratori dai paesi in via di sviluppo”. Le immagini sono accompagnate da testi di Roberta Carlini, giornalista e scrittrice.

Michele Borzoni

Michele Borzoni (Firenze, 1979) è un fotografo documentarista pluri-premiato, stimato e attivo a livello internazionale. Diplomatosi nel 2006 all’ICP di New York, l’anno dopo ha vinto il First Prize Yann Geffroy Award e la New York Times Scholarship for ICP Students. Tre anni dopo la Tierney Fellowship, quattro anni dopo il Primo Premio Singles People in the News del più importante premio foto-giornalistico al mondo, il World Press Photo. Nel 2012 П selezionato dalla rivista statunitense PDN come uno dei “30 new and emerging photographers to watch”. I suoi lavori sono pubblicati su numerose testate italiane e internazionali, esposti in Italia e all’estero costantemente. È uno dei membri fondatori del collettivo TerraProject Photographers: per Spazi Fotografici ha tenuto il primo Corso di Fotografia Documentaria del polo di formazione sarzanese – primo anche nel territorio locale e confinante – a inizio 2019; i progetti nati all’interno dello stesso saranno esposti presso l’Atrio del Comune dal 22 novembre. L’evento dedicato a Workforce – a ingresso libero – è organizzato da Spazi Fotografici con il patrocinio di Confartigianato e Confindustria La Spezia oltre che della stessa Amministrazione: sarà un’occasione per conoscere il fotografo, la sua indagine e da qui entrare nell’attualità di un complesso mondo, qual П quello del lavoro, che necessita di soluzioni, prospettive e, prima ancora, analisi, studio, riflessione, comprensione.

Il senso di Bacco. Pensiero 1

Forse si esagera quando si dice che siamo una generazione di alcolizzati. Bere si beveva anche al tempo di mio padre, e a casa di mio nonno manca soltanto la statua del grappolo d’uva. Però… c’è effettivamente un però. Oggi so che lo scopo unico è quello di devastarsi, annullarsi quindi entrare in un’altra dimensione…

Linda e la questione Amira

È uscito il primo brano dei Moca, “Amira”, e nel video girato da Francesco Quadrelli compare la nostra cara Linda Cresci, che si è dovuta calare nel ruolo di una signorina dalle tendenze saffiche. L’abbiamo incontrata al Pop.It, e allora ci è scappata l’intervista. Take 1, qui è NicK Curci per l’Associazione Culturale Punto Zero.…

Arte Sotto il Cielo

“Il figurativo ha dalla sua che appena lo guardi l’impatto emotivo è immediato.” La nostra piccola e neonata redazione è innamorata dello svago e della cultura “pop” in ogni sua sfaccettatura. Però l’arte è arte e in questo caso si è presentata l’occasione di buttarci un po’ più sul classico. A Sarzana, in via Mazzini…

Instagram: Essere o apparire?

Internet ha cambiato il modo di vedere il mondo. La conoscenza è a portata di tutti e tutti danno sfogo liberamente al proprio pensiero e alle proprie opinioni. In questo mondo, ognuno di noi è più in evidenza che mai. C’è un aspetto in particolare di tutto ciò che è decisamente affascinante e controverso. Un’arte…

Quei bravi ragazzi del Kulchur

Ci sono altre persone, come noi, che sono perennemente innamorati di ciò che li circonda, che arricchiscono la propria vita con l’arte e la creatività sapientemente miscelati con la voglia di divertirsi. Come si dirà più avanti, una specie di cocktail culturale a base alcolica. Per questo abbiamo deciso di intervistare qualcuno che con noi…