-Interviste, video, contenuti e curiosità (con possibilità di esibizione) di artisti musicali locali

Categoria: Sala Prove

TOP 10: I COCKTAIL PIÙ IMPORTANTI DEL GRANDE SCHERMO

Tra poche settimane andrà in scena il Cocktail Fest, e se siete già entrati nel mood “novità” e volete cambiare un po’ il vostro solito drink, fatevi ispirare dalle stelle del cinema con questa top 10 dei cocktail più famosi della settima arte.

Dopo un paio di giri vi sentirete tutti più belli e affascinanti, con delle storie incredibile da raccontare: come in un film!

 

10. Whiskey Suntory – Lost in Translation , Sofia Coppola
“ È tempo di relax, è tempo di Suntory” sentenzia in uno spot pubblicitario un elegante Bill Murray (Bob Harris nel film, attore in declino), sorseggiando un bicchiere del whiskey giapponese che sponsorizza nel sol levante.

9. Bourbon con ghiaccio – Shining , Stanley Kubrick
“Allora facciamo una cosa: tu mi passi una bottiglia di bourbon , con del ghiaccio e un bicchierino. Che dici, ci riesci, Lloyd? Non è che hai troppo da fare?”
Jack Torrance. Shining . Kubrick. Niente da aggiungere.

 

8. Gotto Esplosivo Pangalattico – Guida Galattica per Autostoppisti , Garth Jennings
Nel psichedelico e delirante film di fantascienza, il Gotto Esplosivo Pangalattico è definito come “il miglior drink esistente” e il suo effetto come “farsi sbatacchiare il cervello con una fettina di limone arrotolata intorno ad un grosso lingotto d’oro”. Sul web si trova la ricetta: provare per credere.

7. Orange Whip – Blues Brothers , John Landis
Questo cocktail dolce a base di rum e vodka mescolati a panna e aranciata è poco conosciuto da noi, mentre in America ha acquisito successo dopo il cult del 1982. Nel film il detective Burton Mercy, che deve arrestare i fratelli Blues, decide di ascoltare il loro concerto prima di mettergli le manette ai polsi: si siede comodamente e ordina Orange Whip per sé e per i due agenti con lui.

6. Mojito – Miami Vice , Michael Mann
Sammy Crockett non combatte mai il crimine di Miami senza un buon mojito in corpo.

5. WhiteAngel- ColazionedaTiffany, BlakeEdwards
Ha l’aspetto di un raffinato martini, ma è ben più forte. Lo sa Holly, il personaggio interpretato da Audrey Hepburn, che può essere vista proprio come uno specchio di questo cocktail: in apparenza elegante e composta, in realtà tempestosa.

4. Birra – La fine del mondo , Edgar Wright
Lo sappiamo: la birra non è un cocktail! Ma perdonateci, la colpa è tutta del geniale film di Wright. Cinque attempati amici si ritrovano dopo vent’anni nella cittadina inglese in cui sono cresciuti, per finire una volta per tutte il fantomatico Miglio Dorato: dodici pinte di birra nei dodici pub del borgo, dove però, al loro ritorno, non tutto è come un tempo…
La birra non è solo un espediente comico, ma fonte di invenzioni visive e narrative in un film completamente folle.

3. Cocktail Champagne – Casablanca , Michael Kurtiz
Dal matrimonio tutto francese tra lo champagne e il brandy nasceva negli anni ‘30 il cocktail champagne. Nel 1942 veniva sublimato cinematograficamente dal capolavoro di Kurtiz, forse il film più amato di tutti. Humphrey Bogart e Ingrid Bergman lo bevono, guardandosi negli occhi da veri innamorati, mentre a noi scende una lacrimuccia.
“Alla tua salute, bambina”

2. WhiteRussian- IlGrandeLebowski, JoeleEthanCoen
“ Sai, questo… questo è un caso molto, molto complicato, Maude. Un sacco di input e di output. Sai, fortunatamente io rispetto un regime di droghe piuttosto rigido per mantenere la mente, diciamo, flessibile.”
Una delle tante, tantissime frasi iconiche di un personaggio tra i più iconici degli anni ‘90: il mitico Drugo di Jeff Bridges. E ovviamente, mentre la pronuncia, si sta preparando uno degli innumerevoli white russian che beve durante il film, la cui metà finiscono per colargli sulla barba: il Drugo “la prende come viene”. Un cocktail appropriato per l’immenso protagonista di un film immenso.

1. Vesper Martini – James Bond (saga)
Impossibile da non mettere in prima posizione. Questa accoppiata è il cinema stesso.
Il Vesper Martini è stato inventato nel 1953 dall’autore letterario della saga, Victor Fleming, nel romanzo Casino Royale, e il nome deriva proprio da una delle prime Bond Girl, Vesper Lynd. Per berlo è obbligatorio vestirsi in smoking, siete avvisati.

 

 

Scritto da Paolo Rissicini

Dietro le scene: I Pixel

Hanno già pubblicato parecchia roba e si sono dimostrati sempre sul pezzo. E in attesa del loro prossimo lavoro, i Pixel hanno tempo per una chiacchierata con la nostra redazione… Cominciamo, facile facile… Che ve ne pare la crescita del movimento indie a La Spezia? E quanto può ancora crescere? P: Il motivo principale è…

La nostra “Top 10” dei film usciti nel 2018

 Vengono presi in considerazione i film usciti dal 1 gennaio al 31 dicembre 2018. Perché questa mattina la temperatura era di 3°, e ci sembra un po’ troppo freddo per uscire spesso 10. Ready Player One di Steven Spielberg Perché è un’opera frutto della contemporaneità che parla alla contemporaneità, che pone domande centrate (con risposte…

Recensione – Roma di Alfonso Cuarón

Il regista di Harry Potter e il prigioniero di Azkaban e di Gravity torna con un film-ricordo sulla propria infanzia, ambientato agli inizi degli anni settanta a Città del Messico Con Roma Alfonso Cuarón entra di diritto nell’olimpo dei giganti. Perché definire Roma un film perfetto sarebbe riduttivo: vorrebbe dire circoscriverlo ad un compitino ben…

Dietro il Pop•It

La sera del 23 novembre ci siamo trovati nel bel mezzo dell’edizione autunnale del Pop•It festival, organizzato dai ragazzi della clinica dischi.     Al Dialma Ruggiero di La Spezia ci siamo goduti a pieno la situazione: tra birre e giretti nel backstage, abbiamo sentito Apice in apertura, subito dopo Altrove, i Moca ed infine…

Sulla Mia Pelle

Mercoledì 29 agosto First Man di Damien Chazelle – adattamento cinematografico della biografia ufficiale sulla vita di Neil Armstrong, primo uomo sulla luna – apriva il concorso della 75a edizione della Mostra del cinema di Venezia. Parallelamente, l’ ultimo uomo sulla terra apriva la sezione ‘Orizzonti’, ricoperto di scroscianti applausi: Sulla mia pelle di Alessio…

Al e il Nobile Esperimento

Il Cocktail Fest inizia piano piano a prendere forma e, mentre si inizia a intravedere in lontananza, rispolveriamo un periodo storico (e con esso una figura emblematica) in cui non si sarebbe potuto gustare legalmente un cocktail alcolico: il proibizionismo, il cosiddetto ‘Noble Experiment’ per cui, fra il 1919 e il 1933, negli Stati Uniti…

Netflix e lo “Specchio Nero”

Da quando Black Mirror è prodotta e distribuita dalla piattaforma californiana, la serie britannica ha cambiato volto e anima. Vi spieghiamo il perché. È il 4 dicembre 2011 quando sull’emittente televisiva pubblica britannica Channel 4 va in onda la prima puntata di una serie TV che avrebbe poi attirato l’attenzione dell’opinione pubblica e degli appassionati…